Torri Piezometriche #4

05/03/2011 § Lascia un commento

Probabilmente la più bella in Italia: la torre piezometrica dell’Eur a Roma, meglio nota come il “Fungo”, realizzata nel 1957. La si vede distintamente che sbuca silenziosa in qualche inquadratura de L’eclisse di Michelangelo Antonioni.

Annunci

Torri Piezometriche #3

14/07/2010 § Lascia un commento

La torre piezometrica di Èvora svetta imponente tra la stazione di polizia e i resti del tempio romano. Come le compete, è nel punto più alto della città.
Vedi che te lo dicevo che il Portogallo è il posto per eccellenza delle torri piezometriche: non solo le loro slanciate sagome dominano il paesaggio, ma ci si preoccupa persino di dotarle di targhe bilingue che ne illustrano il fondamentale ruolo in ogni acquedotto che si rispetti.

didascalia piezo

piezo schema

Torri Piezometriche #2

01/06/2010 § Lascia un commento

Le statistiche dimostrano che si arriva a questo blog principalmente digitando su google “torri piezometriche”.
Questo dato sorprende e diverte oltre ad indicare che sull’argomento si trova ben poco in rete.
D’altronde l’Algarve è veramente il posto delle torri piezometriche: altissime dominano il paesaggio e svettano al centro dei paesi ben più alte dei campanili, ne vedo almeno cinque dal punto ove mi trovo adesso.
Per i numerosi amanti del genere eccovi un’altra meravigliosa torre che sembra sbucare nel bel mezzo del cimitero di Pechão. In realtà si trova giusto dietro il cimitero, ma l’effetto ottico è perfetto.

Torri Piezometriche #1

14/05/2010 § Lascia un commento

Praia de Faro

Fermare il tempo

22/04/2010 § Lascia un commento

Fino a pochi giorni fa non possedevo una macchina fotografica, che nella mia vita son sempre andato a scrocco usando quella di famiglia o quella delle morose.
Come se non bastasse, un anno e mezzo fa ho incidentalmente cancellato tutto il contenuto del mio hard disk, comprese centinaia di foto, ma son sopravvissuto lo stesso.
Il colpo fatale alla mia carriera di fotografo lo diede però Tonino Guerra, che in un intervista raccontò di quella volta in Uzbekistan che lui e Michelangelo Antonioni stavano viaggiando sul cassone di un camion sul quale ad un certo punto salirono tre santoni dalla lunga veste bianca.
Rimasero silenziosi per tutto il viaggio, poi quando scesero Antonioni scattò loro una Polaroid, gliela consegnò, ma questi gliela restituirono subito dicendogli:
“Perché fermare il tempo?”
E a me ‘sta cosa colpì molto e per anni non ho fatto foto e non ne ho voluto sapere di comprarmi una fotocamera, che metti te che fermo il tempo e poi succede come col Portaro che non riparte più.
Poi ho notato che tutti continuavano a fare foto ma che il tempo non si fermava, e allora ho mandato a cagare i tre santoni, Tonino Guerra e anche Antonioni – che tanto è morto – e mi sono comprato una macchina fotografica, così ho anche un’arma in più per vessarvi.
La prima foto che ho scattato in Portogallo è questa:

che voi direte che era meglio prima, quando non avevo la macchina fotografica.
Ma questa foto ha un perché: è la prima immagine che ho avuto di Olhao, così come la si vede arrivandoci da Quelfes ove abito, e a me colpì molto per via dell’enorme torre piezometrica dell’acquedotto che è spropositatamente più alta di tutti gli edifici circostanti.
Le torri piezometriche sono dei serbatoi che servono a far sì che l’acqua, per via del principio dei vasi comunicanti, arrivi fino all’ultimo piano di tutte le case , quindi devono essere un po’ più in alte della casa più alta della città.
Diamine – mi son detto – han voluto star sul sicuro gli ingegneri dell’acquedotto di Olhao che han costruito ‘sta torre che svetta altissima sul profilo della città.
Poi ho capito che quell’altezza è giustificata da un quartiere che sorge fuori dalla foto, a destra, sopra un’altura, dunque l’altezza delle case sommata a quella del colle ove sorgono le rende alte suppergiù come la torre.
Questa piccola lezione di idraulica – materia nella quale non ho nessuna competenza – ci serve perchè di torri piezometriche mi sa che ve ne farò vedere molte, che – non so perchè – sono la mia ossessione.
La seconda cosa che mi ha colpito è stata questa, pochi metri più avanti:

un piccolo capolavoro di umorismo concettuale, con la scritta “Una porta sempre aperta” e la vetrata rotta, forse qualcuno ha trovato la porta chiusa e non l’ha presa molto bene.

A dispetto di questo esordio di suburbana umanità, Olhao si è dimostrata una città piena di fascino.
Dalle intime stradine del quartiere dei pescatori fino ai capannoni decadenti rallegrati dai murales, le cicogne osservano silenziose chi è propenso alla deriva psicogeografica.
La cosa migliore da fare ad Olhao è vagare senza meta, scegliendo istante per istante la direzione da prendere, lasciandosi influenzare dall’atmosfera dei luoghi, trovando ciò che nessuna guida turistica vi indicherà mai, perché certi posti hanno un significato speciale soltanto per voi.

Dove sono?

Stai esplorando gli archivi per la categoria Torri Piezometriche su Salti Mortali.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: